ItalianEnglishGermanFrenchSpanishDutchPortugueseHebrewRussianChinese (Simplified)Arabic
ItalianEnglishGermanFrenchSpanishDutchPortugueseHebrewRussianChinese (Simplified)Arabic

La fuga di due ufficiali austriaci dal frenocomio di Volterra

La fuga di due ufficiali austriaci dal frenocomio di Volterra

Data di pubblicazione:

4 Maggio 1916

Titolo:

La fuga di due ufficiali austriaci dal frenocomio di Volterra

Testata giornalistica:

La Stampa

TAG:

Firenze, 3, mattino.

Da Volterra giunge notizia che sono evasi da quel frenocomio due prigionieri austriaci ivi ricoverati per alienazione mentale.

Ecco le notizie arrivate in proposito alla nostra Questura.

I prigionieri evasi sono gli ufficiali austriaci Stefano Schiller e Sigismondo Schemba.

I quali messisi d’accordo con tre condetenuti tentarono di evadere.

Entrati nella camera degli Infermieri si, calarono da una finestra nel sottostante giardino adoperando delle mollettine a mo’ di fune.

Dal giardino saltarono un muro, ma il salto fu fatale allo Schiller e ad altri due detenuti.

Tutti tre caddero e riportarono lesioni per cui non poterono fuggire.

Gli altri due invece si dileguarono, per i campi.

Il personale di custodia accortosi della fuga si diede a rincorrere i fuggitivi e trovò lo Schiller ed i due detenuti che si erario feriti al di là del muro.

Lo Schemba e l’altro fuggiasco, tale Piazzaioli, sono ancora latitanti e sono attivamente ricercati.

A queste notizie possiamo aggiungere: i due ufficiali austriaci prigionieri avevano dato segni di alienazione mentale.

Sottoposti a visita dagli psichiatri che dirigono il frenocomio vennero riconosciuti affetti da squilibrio mentale e con quella premura e con quello spirito umanitario che distingue le nostre autorità nel trattamento dei prigionieri erano oggetto di cure, assidue ed amorevoli.

Durante la loro permanenza nel manicomio criminale contrassero dimestichezza con tre ricoverati che da molto tempo si trovavano nello stabilimento, e aiutati da essi concepirono il progetto di fuggire.

Pisa, 3, notte.

Questa mattina nei pressi di Pontedera le guardie di città arrestarono il primo tenente austriaco Seigmund Schelda, evaso dal Manicomio criminale di Volterra.

Articoli Correlati
Altri ““, “
ItalianEnglishGermanFrenchSpanishDutchPortugueseHebrewRussianChinese (Simplified)Arabic

Sito creato e sviluppato a fini divulgativi, senza alcun scopo di lucro.
Se dovessi riscontrare inesattezze o violazioni di copyright, ti preghiamo di segnalarlo via mail: info@manicomiodivolterra.it